MyPepper.it Il portale italiano sul peperoncino
Il portale italiano sul peperoncino

Cucinare con la Paprika: cosa fare e cosa non fare!

polvere di paprika

Paprika: come usarla in cucina?

La paprika è conosciuta dai cuochi tanto per il suo colore rosso brillante quanto per il suo gusto fruttato, talvolta affumicato. 

È così versatile da poter essere impiegata in quasi tutti i tipi di condimento ed è una degli ingredienti base delle ricette piccanti. 

Mentre puoi trovarla in quasi tutti gli scaffali di spezie, ci sono alcune cose che dovresti sapere se vuoi usare la paprika correttamente. 

Analizziamo i pro e contro dell’utilizzo della paprika.

Aggiungere la paprika all’inizio del processo di cottura

 

Il colore e il sapore della paprika vanno riducendosi man mano che la spezia viene cotta. Aggiungilo alla fine del tempo di cottura per ottenere il massimo da questa spezia.

Usa la paprika liberamente

 

Anche le varietà piccanti di paprika sono relativamente ‘soft’. Aggiungi paprika in grandi quantità per goderne appieno. 

A differenza di altre spezie, che vanno usate con parsimonia, con la paprika si corre un minor rischio di rovinare il piatto.

Scopri le diverse varietà di paprika

 

La paprika è disponibile in più varietà con caratteristiche diverse che possono valorizzare o snaturare un piatto. 

È consigliabile apprendere come ognuna di queste varietà differisce dalle altre e per assicurarsi di ottenere ciò che si desidera dalla spezia. Ad esempio, ci sono varietà sia dolci che piccanti di paprika ungherese e spagnola. 

Ci sono anche dei tipi di paprika affumicati. Le diverse varietà potrebbero non funzionare ugualmente bene in tutte le ricette.

Conservare correttamente la paprika

 

Come con tutte le spezie in polvere, devi fare attenzione a come conservi la paprika.

Conservala in un contenitore ermetico, al riparo dalla luce. La finezza della polvere aumenta notevolmente l’esposizione del singolo granello, rendendola più esposta alle intemperie che potrebbero far “svanire” il tipico colore e il sapore della paprika.

Se non utilizzi tutta una confezione di paprika in sei mesi, scartala e sostituiscila con paprika fresca, per assicurarti il miglior sapore e colore possibile. 

Tutta la paprika è rossa, ma esistono diverse tonalità, c’è paprika che va da un rosso arancio molto pallido a un rosso scarlatto profondo. Si dice che più rossa è la paprika, più leggero è il sapore; la paprika più piccante è infatti fatta con peperoncini di Cayenna, il cui colore non è solitamente troppo scuro.

Prova altre forme di paprika

La paprika è prevalentemente conosciuta come polvere, ma si presenta anche in forma di pasta. Potresti provare la paprika in pasta per sperimentare una versione diversa di questa spezia.

Non soffriggere la paprica a fuoco vivo

 

Nella cucina ungherese, il primo passo per cucinare molti piatti a base di paprika consiste nell’immergere la spezia rosso vivo in grasso bollente, come lardo o olio da cucina.

Cucinarlo nel grasso è un modo eccellente per far rilasciare il suo sapore e il suo colore tuttavia, questa pratica richiede attenzione ed esperienza.

La paprika, a causa del suo alto contenuto di zucchero, brucia molto facilmente e potrebbe assumere un sapore amaro e un colore scuro. Può passare dal rosso brillante al marrone scuro come i fondi di caffè in pochi secondi; La paprika bruciata non dà alcun valore aggiunto a un piatto, pertanto dovrebbe essere scartata.

Cuoci la paprika in olio a fuoco lento e mescola spesso. Non lasciare che cuocia troppo a lungo! 

Un altro modo per prevenire la combustione è aggiungere alla paprika vino o un altro liquido a base acquosa, le riduzioni fatte con la paprika sono una vera chicca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Cucinare con la Paprika: cosa fare e cosa non fare!”